Patch Stemma Motori gianninii Cod. 20090530_H

5,00 €

Spedizione Gratuita per ordini superiori a 150€ in tutta Italia.

Description:
Patch Stemma Motori gianninii
Disponibile
SKU
SKU-759

Spedizione Gratuita

Se il tuo ordine è pari o superiore a 150€ avrai diritto alla spedizione gratuita in tutta Italia !

Come si può visualizzare dall'immagine, una patch riprodotta da stemma originale

Ricamata su fondo di tela rossa, accoppiata con un tessuto di cordura per dare la giusta rigidità allo stemma



Rifinito da un bordo con punto in cordonetto che permette di ritagliarlo.


Filati usati :

Polyestere, garantito all'usura e ai lavaggi


A forma  come si può vedere ovalizzata in misure di 62,00 mm. di larghezza e 70,00 cm. di altezza

Adattabile per essere cucita sul abbigliamento o qualsiasi uso, dove serve identificare un ogggetto.

Noi offriamo al costo di 5,00 euro, nr. 1 etichetta "patch" ricamata


Quella
che state visualizzando se riuscite a stamparla, vi esce con le misure
originali, cosi' potete ritagliarla ed appoggiarla dove desiderate
venga apposta.



Esiste
un limite di acquisto per questo prodotto di 3 unità uguali con singolo ordine, ma se ne desiderate una
quantità maggiore, il prezzo scende in percentuale a seconda della
quantità desiderata.




Nata come officina specializzata di riparazioni meccaniche, diventano nel 1922 parte della rete di assistenza Itala. Grazie a questa collaborazione e alle competenze maturate, diventano preparatori nel 1927 in occasione della prima edizione della Mille Miglia. Preparano una Itala Tipo 61 su commissione del marchese Pellegrini.


Dopo la seconda guerra mondiale i fratelli Giannini cominciano la produzione in proprio di motori. Nel 1947 producono un motore tre cilindri Diesel iniezione diretta per autocarri denominato 3A con una potenza di 40 CV a 3000 giri/min. Non ottengono un gran successo, ne vendono solo poche centinaia. Nel 1948
abbandonato il settore autotrasporto, si cimentano nel settore a loro
più congeniale, quello delle corse. Dall'esperienza decennale sui
motori della Topolino e con l'apporto dato da un progettista poliedrico come l'ingegner Carlo Gianini, creano il motore G1 di 750 cc che ottiene ottimi risultati durante la Mille Miglia del 1949. Sarà ancora l'ingegner Gianini a progettare per loro il motore bialbero Giannini G2 che motorizzeranno le vetture Giaur del teramano Berardo Taraschi.